I DIRITTI DEL BAMBINO

Il riferimento costante dell’UNICEF per orientare la propria azione è la Convenzione ONU sui diritti dell’infanzia e ell’adolescenza
(Convention on the Rigths of the Child – CRC), approvata dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite il 20 novembre 1989,
e ratificata dall’Italia il 27 maggio 1991 con la legge n. 176. 

Diritto alla vita, all'identità,
alla cittadinanza e alla famiglia


Ho il diritto di esistere, avere un nome e una cittadinanza
e di mantenere le relazioni con la famiglia.

Diritto all'educazione e
alla realizzazione di se

Ho il diritto di andare a scuola di ricevere un'educazione
che sviluppi la mia personalità e le mie capacità e che
mi insegni il rispetto verso me stesso e gli altri.

Diritto a un ambiente sano

Ho il diritto di crescere in un ambiente sociale
e naturale favorevole al mio sviluppo fisico e mentale.

Diritto all'informazione, all'ascolto
e alla partecipazione

Ho il diritto di essere informato e, in ciò che mi riguarda,
di esprimere la mia opinione, di essere ascoltato e preso sul serio.

Diritto alla salute

Ho diritto di stare bene, di ricevere cure mediche
adeguate e un'alimentazione sufficiente e sana.

Diritto al rispetto della vita privata

Ho diritto alla mia sfera privata in ogni ambito
e nelle interazioni personali.

Diritto all'uguaglianza

Ho diritto di non essere discriminato a causa del colore della mia pelle, della mia etnia e lingua, della mia religione, della mia identità sessuale, delle mie opinioni o della mia condizione sociale.

Diritto al tempo libero, al gioco e al riposo

Ho diritto di partecipare ad attività ricreative,
artistiche e culturali e di scegliere come gestire
il mio tempo libero.

Diritto alla protezione

Ho diritto di essere protetto
da ogni forma di violenza, maltrattamento,
sfruttamento, indifferenza e abbandono.

Diritto ad assistenza e cure speciali

Ho diritto a una protezione speciale
se sono diversamente abile,
richiedente asilo o rifugiato.

All’educazione all’amicizia e all’amore

Fantagiokando